9 risposte a “TE SALUDI

    • Ma tu conosci la poetica di Erri De Luca?

      “Ci sono carezze che aggiunte sopra un carico lo fanno vacillare”. E, alla fine di una lunga ricerca, anche il peso di una farfalla può determinare un cambiamento. Magari è la stessa farfalla che, nella teoria del caos, scatena un uragano sbattendo le ali dall’altra parte del mondo. Il suo ballo a zig zag attraversa la strada di un cacciatore e di un camoscio. Ma Erri De Luca non racconta di un cacciatore e un camoscio qualsiasi: sono entrambi re.
      L’animale è il re dei camosci e re dei camosci viene soprannominato anche il cacciatore, che sa arrampicarsi e arrivare dove il branco non lo può fiutare.
      Mentre si legge la loro storia sembra di leggere la versione montana de “Il vecchio e il mare”. Di fronte alla “forza, furia e grazia scatenata” del camoscio, l’uomo è una roccia vulnerabile, un “bicchiere a rovescio”, un pugno compatto che persino una donna potrebbe sconfiggere, come fa la “mano aperta al gioco della morra cinese, la mano che vince perchè si fa carta intorno al sasso e lo avvolge”.
      Il tutto è condito dalla scrittura bilanciata, musicale e misurata di Erri De Luca.
      Il libro contiene due racconti lunghi, “Il peso della farfalla” e “Visita ad un albero”, una bella fotografia in bianco e nero fatta con le parole.

      “Le bestie stanno al presente come vino in bottiglia, pronto a uscire. Le bestie sanno il tempo in tempo, quando serve saperlo. Pensarci prima è rovina di uomini e non prepara alla prontezza. (…)
      L’uomo sa prevedere, incrociare il futuro combinando i sensi con le ipotesi, il gioco preferito. Ma del presente non capisce niente. (…)
      Il presente è la sola conoscenza che serve. L’uomo non ci sa stare nel presente” (Erri De Luca)

    • L’ho sempre tenuto troppo in standby, è da un po’ che lo vorrei approfondire… La sua scrittura mi piace.

    • credo che l’assenza di uno dal suo blog possa essere un buon stimolo per andare a scoprire sue vecchie cose.. 😉