Ci s’incontra…

Se ti pieghi su te stesso, senza un vero controllo del gesto, allora sì, ci s’incontra. Lì, però, è dove più s’indugia in carezze al bambino di un tempo, e dove s’accalcano nomi nuovi da dare a Errore: perciò non restiamo più di un momento, mai. Così io ancora non so se la condanna di ogni inabilità, propria, fosse il prezzo o la merce. Ma che importa adesso: s’è ormai persa quella tensione tremenda a farsi adeguati. E se ne rimane un poco, della nostra durezza, teniamola in serbo per quando il silenzio avrà inondato di violenza ogni dove e  la tenerezza anch’essa ci sarà ripugnante – come già lo sono le lagne, certe recriminazioni, il suono delle nocche sul muro, ché non c’è mai stata una porta.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...