Sogno

(Non c’era distanza)

Attraversasti il mio urlo, la scorsa notte, dal tuo letto molle in una stanza fredda. Eri perla nera sfaccettata da un lampo. Poi, spalancando un chiarore improvviso ​nello sguardo mai placato, esondasti – febbre, ​dolore al petto, ​tutta la ribellione di un’infanzia che torna. ​Furore.​ Ti accarezzo. Sei il calore sotto i capelli, la parola e il sacrificio, mani che ricordavo diverse. ​Lamenti che qui il destino è tutto un perdere, continuo, sì. Ma poi diventi sorriso, quella ineguagliabile pace. 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...